[wpseo_breadcrumb]

undicesimo passo completato

LA CASA DEI MONACI 

Abbiamo completato la casa grande che sorge davanti alla Casa delle Arti e del Giardino del Silenzio: la Casa dei Monaci! Con una piccola cappella deliziosa, degli studi e tante cellette ospiterà i membri della comunità religiosa.

Durante i ritiri qui sarà possibile richiedere colloqui spirituali, per scogliere i nodi dell’anima, per ritrovare sogni e speranze, e il senso profondo della vita.

RESOCONTO ECONOMICO

– in elaborazione –

LE FASI DEL LAVORO

La preparazione del terreno e le fondamenta:

La Casa dei Monaci da Via dei Monaci, prima e dopo:

La facciata della Casa dei Monaci:

“Dalla metà del XX secolo i valori tipicamente monastici come il rapporto intimo con Dio, la ricerca di un equilibrio tra il tempo dedicato al lavoro e quello dedicato al silenzio e alla contemplazione, interessano non più soltanto i monaci ma un vasto numero di credenti e di persone in ricerca. Gli scritti dei Padri, sia orientali che occidentali, il significato profondo della liturgia, la lectio divina, la ricchezza della spiritualità dell’Oriente cristiano, sono oggetto di riscoperta da parte di molti laici impegnati a livello ecclesiale, ma destano anche molto interesse nelle persone in ricerca che si collocano fuori dalla Chiesa istituzionale. Tante persone oggigiorno vivono la vocazione monastica come dimensione fondamentale della loro vita e accentuano quello che può definirsi “l’archetipo monastico”, cioè una dimensione profonda della ricerca dell’intimità con l’Assoluto che è presente in ogni essere umano1. Vivere il monachesimo è una risposta alla natura più profonda dell’uomo. La costante ricerca della Verità o dell’Assoluto, lungo tutta la storia dell’umanità, dimostra come è insita al cuore umano aspirare al trascendente.

(M.R. Massa, G. Bormolini)